Tag Archives: Torino

Casa Okumé è fra le location di Open House Torino 2018

Interno Casa Okumé by Paola Maré

Casa Okumé è fra le location di Open House Torino 2018

Nell’articolo di ieri vi ho parlato del ritorno di Open House a Torino il 9 e 10 giugno.

Fra i 140 spazi grandi, piccoli, privati, pubblici, storici e contemporanei aperti quest’anno ce n’è davvero per tutti i gusti.

Casa Okumé, già presente nell’itinerario di Open House Torino l’anno scorso, è fra le location confermate anche quest’anno grazie al successo ottenuto nella prima edizione dell’evento con un’affluenza di oltre 600 visitatori.

Perché in questo articolo fra le tante location di Open House Torino vi parlo proprio di Casa Okumé?

Perché come interior designer ho firmato il design degli interni di questa abitazione.

Dopo avervi presentato in questo blog tante realizzazioni firmate da altri progettisti, questa mi è sembrata l’occasione giusta per parlarvi di un mio progetto.

Mostrandovi alcune immagini e raccontandovi un assaggio della storia di Casa Okumé, spero di farvi venire voglia di vederla dal vivo se sarete a Torino il week-end del 9 e 10 giugno.

Il progetto architettonico è stato firmato dall’architetto Raimondo Guidacci (qui sotto vedete un’immagine della facciata).

L’edificio era in origine una vecchia falegnameria in disuso in un cortile ben poco interessante.

Ora chi entra nel cortile rimane sorpreso perché trova qualcosa di inaspettato: un’architettura contemporanea inserita in un’oasi verde protetta dal rumore e dai ritmi della città.

 Casa Okume

L’architettura e il design degli interni sono caratterizzati da continui richiami grazie all’utilizzo di pochi “segni” e materiali che ricorrono ovunque in modo coerente.

Insieme al ferro, il multistrato in Okumé (un legno molto resistente alle intemperie) è molto presente sia all’esterno che all’interno.

Ecco spiegato il nome che ho dato al progetto.

Interno Casa Okumé by Paola Maré

Gli interni

L’ abitazione si sviluppa su due livelli:

il piano terra ospita in un open space il living e la cucina.

In un angolo è stata costruita una “scatola” rivestita in okumé che ho disegnato su misura per contenere il bagno principale.

Sul lato cucina il volume integra gli spazi per gli elettrodomestici e delle mensole che accolgono delle ceramiche bianche.

Interno Casa Okumé by Paola Maré

Interno Casa Okumé by Paola Maré

Una scala metallica bianca porta al primo piano mansardato anch’esso open space.

Interno Casa Okumé by Paola Maré

In fondo si apre la zona notte con lavabo e vasca a vista dove ho ricreato l’atmosfera raccolta e intima delle suites degli hotel di design.

In un piccolo spazio chiuso sono nascosti i servizi igienici.

Interno Casa Okumé by Paola Maré

Avrei ancora molte cose da raccontarvi su Casa Okumé, ma per non togliervi la sorpresa se verrete a visitarla, qui non vi dico altro.

Casa Okumé sarà aperta al pubblico sabato 9 dalle ore 14.00 alle 19.00 e domenica 10 dalle ore 10.00 alle 14.00.

 

Le visite si svolgeranno ogni 20/30 minuti e ci sarò io ad accogliervi per soddisfare le vostre curiosità.

Non è richiesta prenotazione.

Se non potrete venire a trovarmi e siete interessati a sapere di più del mio progetto, cliccate qui.

Casa Okumé

Foto: Jana Sebestova photography

Casa Okumé è fra le location di Open House Torino 2018

Open House Torino torna il 9 e 10 giugno

Open House Torino

Open House Torino torna il 9 e 10 giugno

Conoscete già Open House? Forse avete già partecipato a questa bellissima iniziativa in qualche città italiana o straniera.

A Torino il 9 e 10 giugno Open House torna con la sua seconda edizione.

L’anno scorso la prima edizione è stata davvero un grande successo.

In questa città infatti Open House ha segnato il miglior esordio di sempre con numeri straordinari:

111 architetture normalmente chiuse al pubblico hanno aperto le porte a oltre 15mila visitatori per un totale di più di 36mila visite.

Una testimonianza del fatto che Torino, sempre più frequentata dai turisti, oltre alle piazze e alle vie porticate, al rigoglioso lungo fiume ai piedi della collina, ai musei di arte moderna e di storia offre anche tanti angoli segreti tutti da scoprire.

Grazie a Open House queste location private e pubbliche normalmente non visitabili saranno aperte al pubblico.

Le visite sono gratuite e hanno in genere una cadenza regolare ogni 20-30 minuti.

In alcuni casi sono condotte dagli stessi progettisti che soddisferanno le curiosità dei visitatori.

Le location

Open House Torino quest’anno proporrà oltre 140 location.

Gli spazi che hanno riscosso il maggior successo l’anno scorso sono confermati:

gli hotel di design NH Carlina e il Duparc Contemporary Suites, le case-studio come Zucca Architettura Factory e Studio Carlo Ratti Associati,

gli edifici barocchi convertiti in appartamenti come The Number 6 dove quest’anno apre l’attico.

The Number 6

The Number 6

E ancora, la Casa “più bella del mondo 2015” secondo ArchDaily, il Palazzo della Luce, i luoghi cult come il Dancing Le Roi disegnato da Carlo Mollino.

E poi le case sorprendenti da scoprire nei cortili come Casa Okumé di cui parleremo nell’articolo di domani o La Casa tra gli alberi.

Casa Okumé by Paola Maré

Casa Okumé

La casa fra gli alberi

La casa fra gli alberi

A queste si aggiungono tante new entry:

ad esempio il design contemporaneo dell’appartamento privato nella Casa Neogotica di San Salvario, il dietro le quinte del Café Müller,

il nuovo spazio per gli spettacoli di Cirko Vertigo, l’armonia del Giardino Segreto, lo studio d’architettura specializzato in paesaggio.

Gli itinerari

Ognuno a seconda dei suoi interessi potrà costruirsi il suo itinerario:

la Torino dall’alto dal grattacielo Lancia e dal campanile di Faa’ di Bruno, la Torino del liberty rivisitato dal design di Cit Turin e San Donato,

gli edifici ex industriali reinterpretati in modo innovativo, l’architettura contemporanea di The Number 6 e Casa Hollywood.

casa Hollywood

Casa Hollywood

L’evento, organizzato dall’Associazione Open House Torino, è reso possibile anche grazie ai volontari che in molti hanno chiesto di partecipare nuovamente anche a questa edizione.

Insomma… Open House Torino è un’occasione unica per vedere questa città come non l’avete mai vista in una grande festa che coinvolgerà tutti i quartieri della città.

Open House Worldwide

Open House nasce a Londra 25 anni fa da un’idea di Victoria Thornton, fondatrice di Open House.

L’obiettivo dell’evento cultural-turistico è di allargare la conoscenza delle città e di stimolare il confronto sull’importanza dell’ambiente in cui viviamo.

L’associazione Open House Torino fa parte del network Open House Worldwide .

L’organizzazione internazionale ha sede centrale a Londra e sedi indipendenti in Europa, America, Medio Oriente e Australia.

Le aperture vengono organizzate in 36 città in tutto il mondo tra cui in Italia anche a Roma e Milano.

Roma in soli 5 anni ha visto il pubblico aumentare del 400% e Milano dal 2016, anno del debutto, riscuote un successo sempre crescente.

Open House Torino torna il 9 e 10 giugno

Restauro conservativo di un palazzo Liberty

interni Marco Bernini

Restauro conservativo di un palazzo Liberty

A Torino, in un edificio progettato nel 1907 dall’architetto Fenoglio, un intero piano è stato oggetto di un restauro conservativo a cura dell’architetto Marco Bernini.

La facciata dell’edificio di grande valore architettonico è decorata in stile Art Nouveau ed è caratterizzata sugli angoli da bow window.

Purtroppo, a causa dei lavori effettuati per adattare gli spazi a uffici pubblici, gli interni avevano perso il loro valore architettonico e strutturale originario.

I grandi saloni erano stati suddivisi in ambienti più piccoli. La prima operazione è stata quindi l’eliminazione delle partizioni interne.

Questo intervento ha permesso di dare nuovamente respiro all’estensione dei soffitti a travi ribassate e ha riportato la luce naturale negli interni.

La pavimentazione in legno è stata finita con una laccatura bianca che esalta ulteriormente la luminosità degli ambienti.

Per mantenere la continuità visiva degli spazi e renderli funzionali per l’uso abitativo, all’interno delle unità sono state costruite delle “scatole” che contengono i servizi e le cabine armadio.

I volumi sono stati messi in evidenza attraverso un contrasto di materiali e colori neutri come il nero, il grigio e il bianco.

La zona dedicata ai bambini è stata ricavata in quota su un mobile/soppalco dove il letto e la libreria fanno da parapetto.

La struttura in metallo di questo elemento è smontabile e reversibile.

Il rivestimento in MDF lavorato con decorazioni superficiali è rifinito con laccature antigraffio.

Su uno dei lati del mobile/soppalco che integra armadiature e cabine è ancorata la scala a sbalzo formata da un “foglio” in metallo piegato.

Il soppalco è completamente cablato.

Grazie al Restauro conservativo e all’essenzialità del progetto di interni dell’architetto Marco Bernini, bastano pochi pezzi di arredamento per personalizzare gli ambienti.

interni Marco Bernini

interni Marco Bernini

interni Marco Bernini

interni Marco Bernini

interni Marco Bernini

Restauro conservativo

 

Ristorante Barca’s : atmosfera anni ’70

ristorante Barca's Fabio Fantolino

Ristorante Barca’s

Il ristorante Barca’s si sviluppa su tre livelli in un palazzo d’epoca all’angolo di corso Vittorio Emanuele II nel centro di Torino.

Già dalle ampie vetrate si intuisce l’atmosfera rilassante del ristorante che è punto di incontro anche per un pranzo veloce o per il dopo cena.

Il progetto di interni del Ristorante Barca’s disegnato da Fabio Fantolino si ispira alla West Coast americana degli anni ’70.

Negli spazi del piano terra e del primo piano dove prevale il bianco il motivo conduttore è il decoro a felci sui toni del blu della carta da parati.

Le varie gradazioni del blu sono riprese nel rivestimento in velluto dei divani che corrono lungo le pareti e negli eleganti sgabelli di design anni ’70.

Per spezzare il gioco cromatico e riscaldare l’ambiente, in alcune zone sono stati inseriti dei divani rivestiti in cotone colore verde muschio e in alcantara nocciola.

Quest’ultimo materiale è ripreso anche nelle sedute.

Alcune murature sono rivestite in noce, altre sono movimentate da una quadrettatura irregolare di pannellature laccate bianche incorniciate da profili.

I tavoli in laminati diversi sono stati disegnati su misura come anche le lampade costruite con profili cilindrici tagliati in diagonale.

Per creare zone più raccolte, gli spazi sono scanditi da divisori in legno con lamelle che disegnano una geometria di vuoti e pieni.

Nelle zone a doppia altezza sono state invece inserite sequenze di lunghi profili a sezione tonda che fanno anche da ancoraggio per i banconi sospesi.

Per delimitare sotto al soppalco la zona di servizio con banconi e pensili è stata creata una “scatola” segnata da profili neri e pannellature bianche forate su sfondo legno.

Nel piano interrato, pur mantenendo una coerenza stilistica con gli altri spazi, il design è stato declinato con materiali e rivestimenti dai toni più scuri per creare un’atmosfera più intima e suggestiva.

Lo studio di Architettura

Laureato al Politecnico di Torino nel 2001, Fabio Fantolino fonda in questa città il suo studio di architettura.

Il team dello studio si occupa di architettura e interior design.

Gli arredi e le lampade sono disegnati su misura per integrarsi nel contesto del singolo progetto e valorizzarlo con una personalità forte e distintiva.

Se volete scoprire un altro progetto di Fabio Fantolino, cliccate qui.

ristorante Barca's Fabio Fantolino

ristorante Barca's Fabio Fantolino

ristorante Barca's Fabio Fantolino

Ristorante Barca's

Ristorante Barca's

OPEN HOUSE ARRIVA A TORINO IL 10 E 11 GIUGNO

Open House Torino

Open House Torino

Open House è un evento completamente gratuito che permette al pubblico di visitare i luoghi inediti delle città grazie all’apertura per un week-end di residenze, palazzi e spazi abitualmente non accessibili.

Nato a Londra nel 1992, Open House è diventato negli anni un format internazionale diffusosi in tutto il mondo.

L’obiettivo dell’evento è far conoscere al grande pubblico il patrimonio comune stimolando il senso di appartenenza e proponendo una riflessione sul grande impatto che una buona progettazione ha sulla qualità della vita di chi abita le città.

Ad oggi le città che hanno aderito alla rete Open House Worldwide sono più di trenta distribuite in tutti i continenti.

In Italia, dopo essere arrivata a Roma nel 2012 e a Milano nel 2016, quest’anno per la prima volta Open House approda anche a Torino grazie all’impegno dell’associazione culturale no-profit Open House Torino e a più di 300 volontari.

Durante il prossimo week-end (10 e 11 giugno) più di cento location torinesi fra edifici storici, moderni o contemporanei, case private, uffici, strutture recuperate, spazi verdi e sociali potranno essere visitati gratuitamente non solo dagli addetti ai lavori ma anche da tutto il pubblico che ama conoscere meglio la propria città (nelle immagini di questo articolo mostriamo alcune location).

Open House Torino è un’occasione unica per scoprire la città, un grande “porte aperte” che mette in luce non solo i palazzi e gli spazi privati del centro, ma anche tanti luoghi nascosti nei quartieri periferici.

La prima edizione torinese ha già richiamato molta curiosità e interesse e si preannuncia di diventare una grande festa come è già avvenuto nelle altre città.

Sul sito www.openhousetorino.it trovate l’elenco di tutte le location visitabili il 10 e 11 giugno a Torino.

Fra le location che potrete visitare c’è anche Casa Okumé, un’abitazione – loft di cui ho curato il progetto di interior design. Io vi aspetto per darvi il benvenuto ma se non avrete l’opportunità di essere a Torino, potete vedere le foto di Casa Okumé sul sito www.paolamare.it

Casa Okumé

Casa Okumé

Number 6

Number 6

Torino Esposizioni

Torino Esposizioni

Villino Raby

Villino Raby

Palazzo del lavoro

Palazzo del lavoro

Camplus Lingotto

Camplus Lingotto