Tag Archives: decorazione

Maisons du Monde proroga gli sconti fino al 15 ottobre

giallo blu

Maisons du Monde proroga gli sconti fino al 15 ottobre

Nei precedenti articoli vi abbiamo segnalato che da Maisons du Monde per pochi giorni si potevano acquistare tanti arredi e complementi scontati fino al 50%.

L’interessante promozione è stata eccezionalmente prorogata fino al 15 ottobre.

Abbiamo pensato quindi di darvi degli altri suggerimenti andando a pescare di nuovo qualche occasione nel sito di Maisons du Monde.

Anche questa volta, non potendo farvi vedere qui tutti i prodotti scontati, ci siamo dati un tema che ha come protagonisti due colori a contrasto:

il blu notte e il giallo caldo.

Queste due tonalità utilizzate a piccole dosi in un ambiente dove predominano il legno chiaro e i toni neutri hanno il potere di dare subito personalità allo spazio.

Il blu notte è un colore molto elegante che trasmette calma, tranquillità e un senso di rilassamento.

Il giallo caldo e intenso invece è simbolo di luce, di energia e di vitalità.

L’abbinamento dei due colori che evocano il giorno e la notte, la luce e la profondità, crea un contrasto deciso ma anche molto equilibrato.

Ora vi mostriamo gli arredi e gli oggetti di decorazione scontati fino al 50% che potete acquistare da Maisons du Monde per sviluppare questo tema nel vostro ambiente.

Potreste ad esempio scegliere il cuscino e il tappeto con grafica e colori coordinati.

Maisons du Monde

Oppure si può richiamare il blu tappeto sfumato con un cuscino in velluto tinta unita.

tappeto Maisons du Monde

In questo caso il giallo caldo potrebbe essere richiamato da un portacandela con supporto in legno.

portacandela Maisons du Monde

Dei vasi in vetro blu di forme diverse disposti con cura su un tavolino o sui piani dei mobili danno subito un tocco di eleganza all’ambiente.

vasi Maisons du Monde

Nel contesto di un arredamento in stile scandinavo potrebbero stare bene i due tavolini Tali che richiamano il giallo e il blu sullo spessore del piano e sulla parte terminale delle gambe.

A proposito, il design del tavolino Tali ha una particolarità: il ripiano inferiore è creato in modo originale con una shopping bag in cotone biologico dotata di bottoni automatici.

tavolini Tali Maisons du Monde

Se poi volete rendere più esplicito il gioco del giallo/blu, basta aggiungere ad esempio il divano Kant, il divanetto Sacha oppure la poltrona Jasper (prodotti Maisons du Monde non in promozione).

divani Maisons du Monde

Oppure decorare una parete con il quadro Madeline o con una collezione di piatti o ancora dipingere un termosifone con la vernice gialla.

Maisons du Monde proroga gli sconti fino al 15 ottobre

Se volete osare ancora di più, dipingete un muro blu e su un altro applicate una tappezzeria con un decoro giallo.

giallo blu

tappezzeria

Maisons du Monde proroga gli sconti fino al 15 ottobre

Tinteggiatura : dona una nuova atmosfera alla tua casa

tinteggiatura

Tinteggiatura : dona una nuova atmosfera alla tua casa

Se avete voglia di rivoluzionare la vostra casa e darle un tocco di personalità in più trovate qui dei consigli su come dipingere le pareti in modo semplice e sicuro.

La scelta dei colori

Prima ancora di armarsi di pennello, è fondamentale saper scegliere i colori adatti per ogni ambiente della casa.

I colori, oltre ad essere un ingrediente fondamentale per definire l’atmosfera delle stanze, hanno anche la capacità di influenzarci: ci sono colori che danno energia, altri che invece ci rilassano.

In generale si consigliano colori caldi e tenui per le camere da letto, mentre le tonalità fredde o i colori vivaci sono più indicati per gli ambienti della zona giorno.

Camera da letto
Per la zona notte scegliete dei colori tenui e rilassanti che facilitano il sonno e il riposo, in particolare le tonalità pastello come il lilla, il rosa cipria, il crema o il beige.

Soggiorno
Il soggiorno, uno degli ambienti più importanti della casa, deve accendersi di colori che si intonino con l’arredamento e lo stile dell’abitazione.

In un appartamento moderno si possono utilizzare colori più accesi mentre per valorizzare un appartamento classico sono più adatte delle tonalità più delicate.

Cucina
I colori freschi e vibranti, come il verde mela o il turchese, sono molto adatti per la cucina dove si riunisce tutta la famiglia.

Bagno
Tra i colori più indicati per il bagno ci sono le tonalità del grigio, del bianco, del verde e dell’azzurro che rendono l’ambiente fresco e rilassante.

Come scegliere la giusta gradazione del colore?

Per essere sicuri di scegliere quella giusta, prima di acquistare tutta la quantità di vernice occorrente per decorare la stanza, comprate dei barattoli piccoli di diverse sfumature del colore che vi interessa, in varianti leggermente più calde e più fredde.

Sulla parete bianca, dipingete dei quadrati di circa 50X50 cm uno vicino all’altro utilizzando le diverse sfumature.

A questo punto valutate da una certa distanza l’effetto che fanno le varie tonalità nel contesto dell’ambiente e della luce e scegliete quella che vi piace di più.

decorazione

Questo sistema, spesso utilizzato dai decoratori professionisti, è utile per non commettere sbagli.

Infatti il colore visto sulle piccole tacche delle mazzette campione può rivelarsi diverso quando viene steso su una superficie più ampia e in presenza della quantità di luce che entra nella vostra stanza.

Tinteggiatura

Cosa serve per dipingere

Dopo aver scelto i colori, occorre procurarsi tutto il necessario per procedere con la pittura:

● pennelli
● rullo
● fissante
● carta di giornale
● nastro adesivo di carta
● teli di plastica o vecchie lenzuola
● carta vetrata
● una scala

Attenzione! Prima di cominciare la decorazione, ricordatevi di indossare una tuta o un capo da buttare che possa proteggervi dalla vernice.

L’organizzazione della tinteggiatura

A questo punto è necessario organizzare il lavoro.

Per prima cosa spostate tutti i mobili al centro della stanza coprendoli con dei teli protettivi (anche delle vecchie lenzuola possono andare bene) e liberate i muri da quadri, specchi e chiodi.

Anche le porte e i pavimenti vanno protetti (potete anche utilizzare dei fogli di giornale) mentre i battiscopa e gli interruttori devono essere coperti con il nastro adesivo di carta.

Il periodo migliore per procedere alla tinteggiatura delle pareti è la primavera, quando si possono lasciare aperte porte e finestre per far sì che la pittura si asciughi più velocemente.

Le fasi della tinteggiatura

Innanzi tutto si inizia preparando il fondo che è fondamentale per la riuscita del risultato finale.

Se sono presenti macchie di umidità o di muffa, queste vanno raschiate via con una spatola.

Successivamente va passata ovunque la carta vetrata. I buchi lasciati dai chiodi vanno riparati con dello stucco.

L’ultima fase per il fondo è quella del fissativo che rende l’asciugatura della pittura omogenea.

Completati questi passaggi, siete pronti per immergere il pennello nella vernice, scolarlo dall’eccesso e iniziare a passarlo sulla parete.

La pittura va stesa a strisce di circa un metro che saranno sovrapposte, prima in senso verticale e poi in senso orizzontale.

decorazione

Infine va applicata un’ultima leggera passata verticale.

Un ultimo suggerimento: il lavoro non va mai interrotto prima di aver ultimato l’intera parete.

Buon lavoro!

Tinteggiatura : dona una nuova atmosfera alla tua casa

Tempo di tinteggiatura : il colore giusto per le pareti

sfumature di grigio

Tempo di tinteggiatura

Come scegliere il colore giusto per le pareti

Con l’arrivo dell’estate, delle belle giornate e delle ferie, si ha più tempo per pensare alla cura della propria casa.

L’estate è Tempo di tinteggiatura: questo è infatti un intervento che conviene realizzare nei periodi più caldi.

Le pareti infatti si asciugheranno più velocemente rispetto agli altri periodi dell’anno e quindi ci saranno meno disagi in casa.

Hai già trovato un imbianchino e stai pensando a quale colore scegliere per le pareti?

Ecco alcune delle ultime tendenze.

tinteggiatura pareti

I trend di quest’anno

Le tendenze del 2018 vedono conferme e novità.

Tutte le sfumature del grigio rimangono protagoniste perché con la loro eleganza valorizzano tutti gli stili di arredamento, soprattutto quello moderno.

Le tonalità più scelte sono il tortora e l’antracite, un grigio molto scuro che in questo periodo è particolarmente in trend.

Decorare le pareti con i toni scuri del grigio è l’ideale in stanze luminose, con un arredamento e una pavimentazione chiara.

Un altro colore suggestivo per le pareti è il blu petrolio. Colore forte e intenso, può essere la scelta giusta con un arredamento mix & match, colorato o etnico.

Questa tonalità è articolarmente adatta per mettere in risalto alcuni elementi decorativi, come specchi e complementi di arredo con dettagli in oro.

Un colore più inconsueto ma caldo, avvolgente e di sicuro impatto è il rosso bordeaux.

Può essere accostato a diversi stili di arredamento e può essere la soluzione ideale per la zona giorno.

Tempo di tinteggiatura

La tecnica decorativa giusta per ogni stanza

Oltre a scegliere il colore giusto, è importante selezionare la tecnica decorativa corretta.

Infatti, oltre alla semplice stesura della pittura, è possibile utilizzare tecniche di decorazione che permettono di adattare ancora meglio la superficie allo stile che si desidera ottenere.

Tra le classiche tecniche ci sono la spugnatura, la graffiatura e lo stucco veneziano che però devono essere inserite nel contesto giusto.

Se si vuole realizzare qualcosa di più originale e moderno, una delle tecniche più utilizzate negli ultimi anni è il color blocking.

Consiste nell’utilizzare due o più colori per realizzare disegni geometrici sulle pareti.

Le forme possono essere più o meno complesse, a seconda dello stile che si desidera ottenere.

Un altro suggerimento per imbiancare casa in modo creativo è utilizzare un colore acceso solo su una delle quattro pareti:

in questo modo si potrà mettere in risalto un mobile o un accessorio, senza rinunciare a una stanza luminosa.

tinteggiatura pareti

Sei pronto per iniziare i lavori? Il colore può rinnovare completamente l’immagine della tua casa.

Potrai facilmente trovare ad esempio un imbianchino a Roma che sia disponibile anche nelle settimane estive.

Così realizzerai subito il tuo progetto di decorazione e potrai goderti la trasformazione della tua casa già durante le vacanze.

Tempo di tinteggiatura

Arredare con un mix di stili ed epoche diverse

interno eclettico

Arredare con un mix di stili ed epoche diverse

I trend più sofisticati dell’interior design puntano sempre più ad un arredamento eclettico che miscela pezzi di stili ed epoche diverse.

Questo tipo di arredamento infatti riesce a dare alla casa una personalità unica che la distingue da tutte le altre.

Comporre un arredamento omogeneo tutto contemporaneo o tutto scandinavo è senza dubbio più facile:

una volta scelto lo stile si tratterà di declinarlo coerentemente in tutti gli ambienti.

Al contrario, accostare pezzi di natura e origine diversa è davvero un’arte!

Apparentemente mischiare pezzi diversi potrebbe sembrare facile e istintivo, invece è un esercizio creativo molto preciso.

Per farlo in modo equilibrato e armonioso ci vogliono molto gusto e grande controllo.

Ed essere degli appassionati di arredamento e dei buoni conoscitori della storia del mobile è sicuramente di aiuto.

Se questo non è il vostro caso, è sicuramente meglio affidarsi a un bravo interior designer che fa di questi temi il suo pane quotidiano.

Un professionista competente sa infatti pescare nel suo “archivio/catalogo mentale” tutta le informazioni per creare un giusto mix.

Ed eventualmente è anche in grado di progettare degli arredi su misura pensati appositamente per la vostra casa.

Se decidete comunque di fare da soli, ecco alcuni consigli:

  Fra l’arredamento e lo spazio che lo ospita ci deve essere una certa coerenza

Potrebbe esere fuori luogo arredare con pezzi di stili ed epoche diverse un appartamento recente e anonimo come ce ne sono tanti oggi.

Questo tipo di arredo sta decisamente meglio se nella casa c’è almeno un parquet meno recente con una posa particolare o se sono presenti degli elementi d’epoca.

Ricordatevi che anche l’età dell’edificio conta per dare coerenza al tutto!!

Per chiarire meglio, ecco un esempio:

avete presente l’effetto kitch di un arredamento rustico magari accompagnato da una finta parete di mattoni a vista e da un camino da baita di montagna in un appartamento all’ottavo piano di un condominio recente in città?

Quindi attenzione… componete un arredamento eclettico solo se il contesto lo giustifica.

interno eclettico

Acquistate alcuni arredi “importanti” e  fatene il centro del vostro progetto

Ad esempio una libreria o a una credenza anni ’60 in teak potrebbe essere accompagnata da una coppia di pouf o tavolini anni ’50.

Oppure da una grande poltrona bergère vintage, da un pezzo icona del design italiano anni ’70 o ancora da un daybed capitonné Bauhaus.

I colori degli imbottiti? I toni intensi del blu notte, del verde bottiglia e del giallo dorato oppure i delicati colori pastello.

Il tessuto d’elezione è il velluto.

Tenete conto che in questo tipo di arredamento si inseriscono molto bene i metalli (l’oro, l’argento, l’ottone) da richiamare però in altri elementi.

interno eclettico

L’illuminazione e le lampade giocano un ruolo determinante

Per arredare con un mix di stili ed epoche diverse potete ad esempio scegliere un lampadario molto decorativo e dargli la giusta evidenza.

Evitate se possibile i faretti incassati nel soffitto perché hanno sempre un’immagine fredda e molto tecnica…

…a meno che non vogliate enfatizzare con un cono di luce un oggetto particolarmente importante.

interno eclettico

La decorazione è fondamentale per rifinire un arredamento eclettico

Selezionate oggetti decorativi di qualità, senza però mai eccedere nella quantità e trovate per loro la giusta collocazione.

Ricordate però che per arredare con un mix di stili ed epoche diverse non basterà mettere qua o là qualche oggetto decorativo di un’altra epoca o stile.

Se gli oggetti non sono inseriti in un arredamento coerente, potreste rischiare che risultino degli “intrusi” o peggio ancora… dei soprammobili vecchi ereditati dalla zia.

Sempre in tema di decorazione, fate attenzione ai quadri che devono essere sapientemente “impaginati” sulla parete o appoggiati su un piano secondo una logica ben studiata.

Occhio alla scelta delle cornici: o sono essenziali e tutte uguali oppure molto diverse fra di loro… evitate la via di mezzo e il posizionamento casuale.

Se per la decorazione siete in difficoltà, tenete conto che uno specchio con una bella cornice in metallo o dei cuscini rivestiti con un tessuto elegante possono essere la soluzione.

Oppure posizionate dei vasi che potrete animare con delle composizioni di fiori freschi o anche semplicemente con dei rami o con una grande foglia a stelo lungo.

Arredare con un mix di stili ed epoche diverse

Create nella casa un filo conduttore che renda armonico l’insieme

Inserite dei pezzi particolari anche in altre stanze della casa per evitare di creare un “caso isolato” in un solo ambiente.

interno eclettico

Scegliere con cura i colori

Per le pareti evitate colori troppo vivaci e preferite le sfumature del grigio oppure le tonalità tenui pastello.

Inoltre ricordate che la carta da parati con decori vagamente retrò è molto adatta a creare il giusto contorno per un arredamento di stili ed epoche diverse.

Se il mix di stili ed epoche diverse è il vostro tipo di arredamento, leggete l’articolo di domani.

Parleremo di una tipologia di sofà che si inserisce molto bene in questo contesto.

Arredare con un mix di stili ed epoche diverse

HARU Tape : il colore che si appiccica

HARU tape

HARU Tape

Ci sono tanti modi per decorare un ambiente: la tinteggiatura, la carta da parati, i quadri, gli specchi, gli arazzi e anche la luce.

Accanto a questi metodi più tradizionali, ci sono anche delle tecniche che si basano sull’utilizzo del nastro adesivo.

HARU tape

Utilizzando questo prodotto, si può dire a tutti gli effetti che la parete, il pavimento e anche i mobili si decorano con il “colore che si appiccica”.

Come si vede nelle installazioni in queste immagini, questa tecnica può anche diventare una forma di arte.

HARU Tape

HARU Tape

HARU Tape

Il brand HARU specializzato nella produzione di nastri adesivi per la decorazione di interni, ha battezzato questa particolare tecnica “HARU stuck-on design”.

8 famiglie di colori, 2 famiglie di decori, 3 tipologie di tape e 4 differenti larghezze: questi sono i numeri di HARU.

Le 8 famiglie di colori comprendono ognuna una gamma di sfumature sullo stesso tono cromatico, quindi da questo punto di vista c’è davvero un’ampia scelta.

A queste si aggiungono le 2 famiglie di decori “graphic geometric” e “traditional japanese”.

Le 3 tipologie di tape sono:

il Washi tape, il nastro prodotto con la carta giapponese.

Questo nastro, sottile ma piuttosto forte, ha una consistenza morbida e una finitura opaca e si può strappare con le mani.

Il PET tape, adatto per disegnare le pavimentazioni degli ospedali e nelle palestre, ha una finitura lucida, è forte ma facile da rimuovere senza lasciare tracce.

L’OPP tape, che ha una trama sottile simile al washi, è trasparente e si può sovrapporre agli altri tipi di nastro per creare degli effetti particolari.

I tape sono disponibili in 4 larghezze diverse che si prestano all’ampiezza delle superfici da decorare: murature, pavimenti o mobili.

HARU Tape

HARU Tape

HARU Tape

I prodotti di HARU provengono dall’evoluzione di tecnologie utilizzate per scopi industriali, anche in campo medico.

HARU Tape : il colore che si appiccica